Progetti

Scuola media “G. de Petra”

Casoli (CH) / 2009

  • CommittenteAmministrazione Comunale di Casoli
  • Progetto architettonicoCemento armato, controventi in acciaio
  • Costruzione-
  • Dimensioni8.5000 mc
  • Importo totale lavori€ 1.000.000
  • FunzioniConsulenza sull'adeguamento sismico per l'Ing. Gilberto Di Florio
  • ResponsabileIng. Leonardo Bandini

Protezione sismica con dispositivi di dissipazione supplementare di energia

La Scuola secondaria di primo grado “G. De Petra” è ospitata in un fabbricato realizzato alla fine degli anni cinquanta costituito da due corpi di fabbrica giuntati. Essa è adagiata sul pendio di una collina che sorge di fronte all’abitato di Casoli dove è sito il centro storico le cui origini risalgono all’anno mille.

L’intero immobile si compone di due corpi di fabbrica tra di loro accostati, con un giunto tecnico che ne separa le due strutture portanti, composti ciascuno di tre piani.

La maggior parte dei suoi vani è destinato all’attività amministrativa e direttiva, quindi con uffici, segreteria, presidenza, vice presidenza, archivio etc., e per l’attività didattica vi è solo l’aula computer al secondo piano ed l’aula di musica e di scienze al terzo piano.
La struttura portante è tutta in calcestruzzo armato con solai in latero-cemento armato con travetti prefabbricati e posti in opera con soletta collaborante in cls.

L’intervento consiste nell’introduzione di controventi metallici a “V rovescio” dotati di dispositivi siliconici fluido-viscosi pressurizzati, montati in estradosso del controvento stesso e collegati agli intradossi degli impalcati in c.a. Tali dispositivi, a comportamento non lineare, hanno il compito di dissipare l’energia sismica prodotta dall’evento di progetto, previsto ai sensi del DM 14001/2008 (di seguito NTC08) e della Circ. 2 febbraio 2009, n. 617, e nel contempo garantire il ricentraggio della struttura a fine dell’evento stesso. Tali dispositivi sono stati progettati per mantenere la loro funzione anche a seguito dell’evento sismico di progetto.

In una normale struttura in c.a., le dissipazioni sono concentrate negli elementi strutturali, che se duttili, con il loro danneggiamento producono una dissipazione energetica, di norma computata mediante l’utilizzo di un fattore di struttura adeguato.

Nella condizione protetta, si otterrà invece una struttura la cui dissipazione è demandata quasi esclusivamente alla presenza di controventi dissipativi.
La procedura di dimensionamento che è stata adottata ha condotto alla scelta di dispositivi necessari alla protezione sismica della scuola in oggetto sotto un sisma definito allo stato limite di salvataggio delle vite (SLV), pur garantendo nel contempo, la sicurezza necessaria nei confronti dei dispositivi stessi e dei loro collegamenti anche per un evento caratteristico dello stato limite di collasso (SLC).

Sono stati inoltre messi in atto adeguati interventi di rinforzo strutturale per sanare le carenze strutturali pregresse nella precedente progettazione (in riferimento all’aggravio di sollecitazioni previste dalle nuove normative sismiche).

Altro intervento strutturale significativo è la chiusura dei giunti sismici, di dimensione assolutamente insufficiente con le deformazioni sotto sisma di progetto. Tale chiusura, da realizzarsi mediante piastre metalliche da inserire in estradosso delle travi e dei solai.

Ultimo intervento strutturale proposto riguarda il taglio dei tamponamenti non strutturali, consentendo alla struttura di poter muoversi in modo da concentrare sui controventi dissipativi la maggior parte delle dissipazioni. I tamponamenti sono stati oggetto d’intervento per impedirne ribaltamenti.

scuola-media-g-de-petra scuola-media-g-de-petra2 scuola-media-g-de-petra3 scuola-media-g-de-petra4
Tutti progetti
Back to top